PROIETTI SI DEVE DIMETTERE !

POLIS TIVOLI, sulla vicenda STACCHINI, chiede le Dimissioni di Proietti.

Ecco le motivazioni :

• Ha accettato, senza un minimo di controllo preventivo, lo schema “ Bonifica dopo variante “;

• Ha accolto passivamente i numeri al lotto snocciolati dalla Proprietà;

• Ha valutato positivamente il trasferimento di 5 milioni di euro derivanti dal contributo straordinario connesso proprio con la Variante ( Denaro Pubblico ) per finanziare una Bonifica che ora, dopo le nostre pressioni ed evidenze, sta portando avanti il Privato;

• Ha avviato un contenzioso istituzionale con la Regione Lazio chiedendo entro 10 giorni un contributo di 5 milioni di euro per fare la Bonifica senza alcuno studio tecnico e senza alcuna ipotesi economico-finanziaria di riferimento ( In realtà ha pedissequamente accettato la richiesta del Privato );

• Ha accentuato uno scontro sociale su ipotesi non veritiere e non collegate con la nuova realtà imposta dai Vincoli SIC/ZSC esistenti sull’Area;

• Ha rinunciato a redigere una progettualità diversa e più aderente alle esigenze di sviluppo della Città e dell’Area nello specifico;

• Ha proposto di agire nella zona tramite una variante urbanistica da 2 milioni di metri cubi di cemento che premia solo gli interessi privati ( utile previsto dall’operazione 60 milioni di euro ) e non difende quelli pubblici ;

• Ha proposto alla Regione una Valutazione di incidenza, non sulla Bonifica ma sul Progetto compreso di variante urbanistica, senza allegare lo Studio di riferimento imposto dalla norma ;

• Ha dialogato e avviato un ITER Pubblico decisorio normato accedendo alla Richiesta di due società IN LIQUIDAZIONE e sprovviste di mezzi finanziari;

• Ha tenuto nascosto alla Città e al Consiglio Comunale il nome dell’ “ INVESTITORE “ senza svelare i patti che pure intercorrono tra i privati e , con ciò, gettando ulteriori ombre sulla trasparenza dell’intero procedimento;

• Non ha tenuto conto dei risultati della Conferenza dei Servizi avviata e chiusa con il 90% di PARERI NEGATIVI ( Omettendo tra le altre cose di convocare alla stessa Conferenza molti Attori, tra i quali il MINISTERO dell’Ambiente ).

A questo punto POLIS TIVOLI sostiene :

IN CASO DI MANCATO RITIRO DELLA DELIBERA ci si potrà chiedere PERCHE’ e PER QUALI MOTIVI questi signori si ostinano a portare avanti questa ipotesi.

 

COMUNICATO DI POLIS TIVOLI 23.09.2020