COMUNICATO DEL COMITATO UNITI PER VILLA ADRIANA

VILLA ADRIANA, Il COMITATO RILANCIA E RISPONDE A PROIETTI

Il Comitato UNITI per VILLA ADRIANA non le manda a dire rispondendo direttamente a Proietti e ai Delegati da lui stesso nominati a suo tempo.

Chi sono?

Dal Comunicato traspare che potrebbero essere i Delegati e Consiglieri Alessandro Baldacci e Pamela Corbo, mentre la Consigliera di Maggioranza a cui si fa riferimento dovrebbe essere Valentina Oriofi.

 

Uniti per Villa Adriana disconosce qualsiasi rapporto con il delegato di Villa Adriana e il delegato dei parchi.

Inoltre, i cittadini di Villa Adriana sono meravigliati dell'atteggiamento di totale insufficienza dimostrato dalla consigliera di maggioranza, residente nel quartiere, che non è mai entrata nel merito dei problemi esposti dai cittadini e che pure lei vive.

COMUNICATO:

Il COMITATO UNITI per VILLA ADRIANA ha organizzato una Manifestazione Unitaria il giorno 5 luglio che ha visto la partecipazione per la prima volta di Cittadini, Associazioni, , Comitati, Commercianti, Artigiani che si sono spontaneamente uniti per protestare contro il degrado in cui versa il Quartiere.

Sono stai invitati il Sindaco, i Consiglieri di Maggioranza e di Opposizione a partecipare ad incontri separati e in diretta streaming al fine al fine di di avviare un confronto costruttivo anche in vista della prossima approvazione del Bilancio di Previsione Pluriennale e di discutere 6 mozioni relative ad alcune priorità da noi ritenute essenziali per dare a Villa Adriana un volto diverso.

Le Mozioni erano già state inoltrate in tempo utile via PEC per conoscenza sia al Sindaco che e ai Consiglieri di Maggioranza, a riprova che ciò che più ci interessa è risolvere i problemi del nostro Quartiere perché dalla loro risoluzione dipende anche una migliore qualità di vita per i residenti.

Il Sindaco per suo conto ha declinato l’invito, adducendo pregressi impegni mentre i Consiglieri di Maggioranza non hanno neanche risposto all’appello.

I Consiglieri di Minoranza che invece dopo aver accolto l’invito, e con i quali si è intavolato una discussione costruttiva, hanno presentato integramente in Consiglio Comunale tutte e 6 le Mozioni.

La susseguente vivace discussione in Consiglio Comunale ha evidenziato il nervosismo del Sindaco, pur avendone già conoscenza.

Per contro, nessuno dei Consiglieri di Maggioranza si è minimamente degnato di intervenire nel merito, segnando con ciò una doppia e colpevole assenza di fronte ai gravi problemi da noi sollevati.

Il Comitato Uniti per Villa Adriana ritiene offensive le parole pronunciate dal Sindaco nei confronti dei Cittadini di Tivoli, e non solo di quelli residenti a Villa Adriana, durante la seduta del Consiglio Comunale del 24 luglio u.s.

Noi siamo Cittadini e non facciamo politica di parte, ma agiamo in nome di una Collettività ormai stufa di strade dissestate, perdite continue di acqua potabile, fogne che esplodono ad ogni temporale che generano vere e proprie inondazioni di acqua putrida e maleodorante, di Parchi chiusi ( Andersen ) o riaperti solo parzialmente sull’onda della nostra protesta, di intere Aree ( Paterno ) che presentano problematiche eclatanti a cui nessuno da risposte, di un Impianto Sportivo inesistente e privo delle più elementari norme regolamentari, di un’Area ( Ponte Lucano ) in cui al disastro ecologico del Fiume Aniene si somma un degrado evidente ed avvilente e che è la porta di accesso al territorio del Comune di Tivoli.

Il punto di accoglienza per chi si reca in visita presso la Villa di Adriano, sito UNESCO.

Non siamo più disposti ad essere considerati Sudditi e siamo stufi di ricevere offese gratuite da chi dovrebbe garantire coesione sociale e invece predica la divisione tra i Cittadini riducendo le iniziative come la nostra a semplici reclami privi di sostanza.

Non sono i Cittadini a causare il malessere nel quale vivono ma l’assenza di una politica amministrativa basata sulle risposte da dare alla Comunità che le sollecita e che anzi viene sentita come fastidiosa.

Stiamo lavorando affinché in tutti i Quartieri della Città la Comunità Tiburtina si esprimano in maniera autonoma senza strumentalizzazioni a cui una certa politica locale e provinciale da un po' di anni ci ha abituato.

A Villa Adriana – Paterno non si vive bene e neanche a Tivoli Terme, a Campolimpido-Favale-Colle Nocello, a Via Empolitana, All’ARCI, a Braschi o al Bivio di San Polo.

Se non si vive bene nella nostra Città la colpa non è certamente dei Cittadini e dei Residenti.

Il Sindaco, nella seduta del Consiglio Comunale ha tentato di far passare l’idea che a Villa Adriana va tutto bene perché è stata fatta la Raccolta Differenziata e perché è stato aperto il Parco di Malala ( Infrastruttura progettata, finanziata e costruita da altre Amministrazioni ).

Lungi da noi togliere meriti, riteniamo che raccogliere l’immondizia in maniera efficace, sia meno del minimo richiesto ad un’amministrazione degna di questo nome, per la qual cosa i Cittadini pagano un onere molto alto.

Ci vuole però ben altro per vivere degnamente.

Al Sindaco di Tivoli diciamo che il suo tentativo di spostare l’attenzione è fallimentare e che la ns. protesta non è certo per la raccolta differenziate, per quanto sia innegabile che ( Dati Ufficiali ISPRA ) a Tivoli il costo per KG e per Unità è tra i più alti del Lazio e che in tante altre Città del Sud e del Nord tali costi sono più bassi con percentuali di Raccolta Differenziata molto più alte di quelle di Tivoli.

La nostra protesa è perché a Villa Adriana ci sono intere aree in uno stato di completo abbandono ( Vedi Zona Ex PAM per esempio ), perchè l’erba non viene tagliata, perché le caditoie non vengono pulite, perché gli alberi non vengono potati con regolarità, perché le strade non vengono spazzate, perchè le strade sono piene di buche, perché il Muro della Vergogna è ancora al suo posto nonostante le facili promesse propagandate nel 2014 e nonostante i 74.000 euro buttati da questa Amministrazione per tentare di nascondere quella VERGOGNA .

Caro Sindaco, anche una buona parte delle strade oggetto di una frettolosa manutenzione in periodo elettorale oggi versa in condizioni pietose.

Non prenderne atto e affermare che va tutto bene e che i problemi non esistono significa solo non guardare oltre le mura del castello nel quale ci si è arroccati.

Alla luce di ciò e delle mille problematiche mai affrontate e mai risolte il Comitato Uniti per Villa Adriana disconosce qualsiasi rapporto con i delegati, preposti dal Sindaco, a trattare le questioni di Villa Adriana o dei Parchi e Giardini.

Siamo basiti dall’assenza totale dei Consiglieri di Maggioranza che pure risiedono a Villa Adriana.

Come è possibile che, vivendo essi stessi nel degrado o ascoltando le quotidiane lametele dei residenti, non sentano l’esigenza di uno scatto autonomo di orgoglio e dignità affrontando insieme a quanti scendono in piazza semplicemente per chiedere un ambiente migliore?

Signor Sindaco, noi continueremo a portare avanti la nostra iniziativa con sempre maggior forza, se ne faccia una ragione e provi ad ascoltarci.