Intervista al Presidente della Commissione Attività Produttive CLAUDIO ZARRO

L’estate volge al termine e riprende l’attività politica al Comune di Guidonia Montecelio.

 

Siamo con il Consigliere Claudio Zarro,  Presidente della Commissione Commercio ed Attività Produttive nonché membro di altre due Commissioni: Cultura ed Ambiente.

 

Dunque Presidente Zarro, ci da un po' l’idea dei temi che verranno affrontati nei primi mesi autunnali e poi invernali?

 

“Innanzitutto mi preme ricordare come il lavoro all’interno delle commissioni consiliari, mio e dei miei colleghi, nonostante il periodo estivo, non si sia mai fermato”.

“Durante i mesi di giugno, luglio ed agosto all’interno della commissione che presiedo ad esempio, si è portata avanti con gli uffici una proposta di revisione dei diritti di istruttoria concernenti le attività economiche. Tale proposta, elaborata dalla commissione, vedrà un chiaro indirizzo: favorire la nascita di nuove attività di vicinato, laboratori di panificazione, ecc.”

 

Ci può fare un esempio concreto?

 

“ Chi vorrà aprire una nuova piccola attività commerciale se paga ad esempio ora per la somministrazione di alimenti e bevande al di sotto dei 50 mq 300 euro, ne pagherà in futuro solo 100. Una diminuzione del 66%. E un decremento importante vi sarà su tutto ciò che è la piccola e media impresa del nostro comune”.

 

I tempi amministrativi per una tale scelta?

 

“Contiamo di portare una proposta di delibera da approvare in consiglio comunale subito alla ripresa dei lavori.

Vogliamo favorire la pmi a fronte di troppi vantaggi che sono stati dati dalle passate amministrazioni a centri commerciali e grosse strutture di vendita.

E’ un chiaro punto del nostro programma, riportare le persone ad usufruire delle piccole e medie attività commerciali sotto casa e favorirne al contempo la rinascita. Ci vorrà tempo, ma sono fiducioso.

Nello specifico ci confronteremo anche con le Organizzazioni delle PMI per definire al meglio i percorsi di valorizzazioni del settore . Ad oggi, per esempio, possiamo registrare un confronto serio con CNA anche per la costituzione e lo sviluppo di una Rete di Imprese nel Comune di Guidonia”.

 

Un tema scottante e che vede impegnata l’attuale amministrazione della città è sicuramente quello delle cave.

 

“Dobbiamo assolutamente riuscire a coniugare tutela del comparto occupazionale e salvaguardia dell’ambiente. Sono 2 temi che vanno di pari passo, complementari. Spogliandomi dal ruolo istituzionale e da padre di famiglia, spero questa vicenda trovi la soluzione migliore per tutti gli attori presenti al tavolo regionale (lavoratori tramite i sindacati, Regione, imprese, Unindustria e amministrazione di Guidonia Montecelio)”.

 

La nuova progettualità, gli investimenti, gli interventi su cultura e ambiente?

 

“ Tra fine agosto e settembre ricomincia anche la progettualità e due degli argomenti che mi stanno più a cuore sono il rilancio della cultura e del turismo e la tutela del verde pubblico.

 Sul primo argomento abbiamo appena lanciato la manifestazione di interesse per l’ individuazione del Direttore scientifico del Museo Civico Archeologico “Rodolfo Lanciani”.  Gli interessati, in possesso dei requisiti di partecipazione, potranno far pervenire apposita domanda di partecipazione agli uffici entro e non oltre il 21 settembre 2018. Per quanto riguarda il rilancio del turismo invece, a breve il borgo di Montecelio entrerà a far parte del BAI (Borghi Autentici Italiani), un circuito di circa 240 borghi.

Con l’assessore Elisa Strani c’è piena sintonia e tengo personalmente a questo provvedimento. Credo che Montecelio debba riprendere la sua vocazione turistica ed iniziare ad occupare il posto che merita tra gli altri borghi italiani”.

Per quanto riguarda il tema della tutela del verde pubblico ed il decoro urbano: “Si continuerà con l’assegnazione di parchi ed aree a verde che associazioni e comitati stanno di volta in volta valorizzando e curando. Sulle aree a verde con chioschi commerciali al loro interno si provvederà invece alla revisione dei canoni concessori, perché vi sono delle situazioni da verificare”.

 

Per finire Presidente Zarro, delle borgate e dei quartieri periferici cosa ci dice? Penso che Lei sappia che c’è molto scontento tra i cittadini.

 

 “Nessuno deve rimanere indietro”. Penso ai cittadini delle frazioni, che per motivi diversi ho a cuore, qualcuna per un motivo, qualcuna per un altro. Colle Fiorito, Villanova, Albuccione-Bivio di Guidonia e Villalba”. Stiamo lavorando affinché vi sia una progettualità su tutto il territorio. Villalba e Albuccione devono recuperare quello spazio sociale e di aggregazione che può dargli una marcia in più, mentre Colle Fiorito può essere veramente l’isola verde del nostro comune. Un discorso a parte merita Villanova, dove spesso mi sto impegnando anche con iniziative sociali. Non è semplice, ma oltre a mancare spesso il senso di comunità, manca un senso civico diverso da quello attuale.

Abbiamo 4 anni davanti.

Non sono pochi, ma non sono neanche tanti.

Sono convinto però che impegnandoci ed impegnandomi giornalmente, le cose possano cambiare. Siamo stati eletti per questo.

Ho intenzione di continuare la mia azione amministrativa volgendo lo sguardo sempre al miglioramento della qualità della vita del nostro territorio, per i nostri figli e le future generazioni”.

 

.

 

Claudio Zarro